Bitcoin Presumibilmente usato per finanziare i terroristi dalla Francia

Cash – Non Crittovaluta – Ancora re dei terroristi, dice l’esperto

Gli appassionati di crittografia, ovunque, sfidano costantemente l’idea che le bitcoin e le crittocurrenze siano usate per finanziare gruppi terroristici e commettere programmi illeciti. Vorrebbero pensare che, da qualche parte in fondo alla linea, la maggior parte delle persone che usano le valute digitali lo fanno per nobili scopi, quindi ogni volta che si scopre che ci sono cattivi attori che cercano di usare il bitcoin per guadagni illegali, i dati possono essere un po‘ deludenti.

Il bitcoin ha ancora un lato oscuro

Questa è l’ultima notizia che esce dalla Francia, che al momento in cui scriviamo, ha arrestato circa 29 persone che sono state accusate di aver utilizzato bitcoin e crypto per finanziare un gruppo terroristico jihadista. L’organizzazione aveva sede in Siria, secondo un ufficio del pubblico ministero, e ci sono ancora due uomini in libertà che si ritiene siano a capo dell’organizzazione. Sono due uomini di 25 anni che si fanno chiamare Mesut S. e Walid F.

Si ritiene che entrambe le figure siano in Siria dal 2013. Sono sospettati di essere membri dell’organizzazione Hayat Tahrir Al-Sham, che è ampiamente associata ad al-Qaeda. Inizialmente, sono stati entrambi accusati e riconosciuti colpevoli in Francia, ma non hanno potuto essere trovati all’interno dei confini del Paese, e quindi sono stati condannati – in contumacia – a dieci anni di carcere ciascuno.

Le circa 29 persone accusate in Francia hanno tutte un’età compresa tra i 22 e i 66 anni. Mentre molti sono semplicemente accusati di aver inviato denaro agli estremisti, due di loro – che al momento della stampa sono senza nome – si ritiene abbiano avuto un ruolo importante nel garantire il finanziamento dell’organizzazione e si pensa che siano i leader dell’organizzazione terroristica.

Il Ministero dell’Economia francese è il gruppo che ha scoperto il complotto per finanziare il gruppo. Una squadra speciale appartenente al ministero conosciuto come Tracfin era dietro la scoperta. Tracfin è ampiamente responsabile della scoperta di schemi di riciclaggio di denaro e di attività fraudolente.

Un approccio più tecnico

Per la maggior parte, il denaro contante è ancora ampiamente utilizzato per finanziare gruppi terroristici, in quanto il denaro contante rimane ancora ampiamente anonimo e difficile da rintracciare, anche se negli ultimi sette anni le cose hanno preso una piega più complicata, e si ritiene che il bitcoin – anche se non completamente – dia ancora ai terroristi un certo livello di sicurezza. Spesso si verificano più transazioni contemporaneamente, con diverse forme di valuta inviate a più indirizzi. Questo li rende più difficili da rintracciare e permette ai cattivi attori di farla franca con i crimini.

L’indagine sull’attuale organizzazione è stata aperta per la prima volta all’inizio di gennaio di quest’anno. Si ritiene che l’organizzazione possa essere attiva dall’inizio del 2019. Molte delle persone presumibilmente coinvolte nel progetto hanno acquistato coupon crittografici del valore di soli 11 dollari o 165 dollari. Sono stati poi inviati ai jihadisti che hanno convertito il denaro e lo hanno utilizzato per far crescere l’operazione.

Comments are closed.